Consigli

FORMULA ATTIVA CONTRO TUTTI GLI ODORI   TRIPLICE AZIONE per un risultato impeccabile   1ELIMINA LA FONTE DELL'ODORE La sua ricca formulazione agisce all'origine dell'odore neutralizzando la sorgente primaria   2ELIMINA L'ODORE Le speciali molecole attive non coprono l'odore ma reagiscono direttamente andando a degradarlo   3TRASFORMA L'ODORE IN PROFUMO Infine rilascia nell'ambiente e sui tessuti un fresco ed emozionante profumo di pulito   ABBATTIMENTO DEGLI ODORI FINO AL 98%         Fonte: tintolav.com   ...

Giunta l’ora di riporre il piumino nell’armadio, ecco qualche consiglio per lavarlo   Questa primavera non è stata delle più miti, ma il tempo di riporre ila giacca imbottita  è arrivato. Tuttavia è probabile che durante l’inverno abbia accumulato macchioline qui e là, e si sia annerita nelle aree di maggiore sfregamento (polsi, colletto). Prima di riporla definitivamente nell’armadio, è bene lavarla per non ritrovarla l’inverno prossimo maleodorante e sporca. Ma come fare? Non si tratta di un capo qualsiasi, specialmente se imbottita di vera piuma d’oca. Ecco dunque qualche consiglio per lavare il piumino.   Lavare il piumino, alcuni consigli Innanzitutto, leggete l’etichetta. Adeguarsi ai consigli del produttore è sempre la scelta migliore. In ogni caso portare il capo in una lavanderia è la soluzione...

La lana Merinos è un tipo di fibra naturale fine e molto pregiata che si ottiene dalle pecore della razza Merino (o Merinos). Il pelo di una pecora Merino è più sottile del pelo di una pecora comune, questo comporta una funzione termoregolatrice e traspirante. Il tessuto di abbigliamento maschile cosiddetto in fresco lana è solitamente realizzato con lana Merinos. Come si lava una coperta di pura lana merinos ? - Usare sempre un lavaggio delicato a basse temperature - Usare acqua abbondante - Asciugare in asciugatrice a temperatura massima: i risultati saranno sorprendenti - NON strofinare il capo - NON lavare con forte centrifuga: il tessuto rischia di infeltrire Fonte: web ...

Quando arriva il primo caldo è il momento di iniziare le pulizie di primavera. Questa è sicuramente una delle attività che ci stressano di più. Proprio per questo è necessario partire con le idee chiare e organizzarsi per tempo, onde evitare di trascinare il lavoro fino all’estate, quando le temperature troppo alte lo renderebbe insopportabile.   Pulite e spolverate a fondo tutte le superfici su cui si è depositata la polvere nei mesi, soprattutto nei punti alti o nascosti, che non “passate” normalmente (sopra gli armadi, sotto i divani, nei termosifoni). Una cura particolare richiedono soprammobili e libri: togliete tutto dalle librerie e dai ripiani e spolverate sia le superfici, sia gli oggetti stessi. Togliete le ragnatele. Anche se lo fate sistematicamente, ci sono sicuramente dei punti...

  Sino agli anni ’60 del XX° secolo lavare i panni era un affare serio in quanto richiedeva molta fatica e necessitava di diversi giorni, a differenza dei tempi contemporanei ove con l’ausilio della lavatrice e dell’asciugatrice nel volgere di alcune ore si risolve il problema senza la minima fatica. Infatti, sebbene i primi elettrodomestici con funzione di lavapanni, denominate in seguito lavatrici, risalgano ai primi anni ’40, fu solo con lo sviluppo economico degli anni ’60 e ’70 che la lavatrice ebbe una notevole diffusione nelle abitazioni dei nostri monti Lessini e un po’ ovunque nelle periferie italiane.   Prima di allora il bucato si lavava a mano, innanzitutto non si disponeva di un detersivo o di un ammorbidente già pronto all’uso...